Mourinho: “A gennaio va via!”

Foto Alfredo Falcone / LaPresse 10/04/2022 Roma, Italia Sport Calcio Roma-Salernitana – Campionato di Calcio Serie A 2021/2022 – Stadio Olimpico di Roma Nella foto: jose mourinho nicola davide Photo Alfredo Falcone / LaPresse 10/04/2022 Rome, Italy Sport Soccer Roma-Salernitana – Italian Football Championship League A 2021/2022 – Olympic stadium of Rome In the pic: jose mourinho nicola davide

La Roma non va oltre il pari contro il Sassuolo. Al Mapei Stadium termina 1-1 tra i giallorossi e la formazione di Dionisi con le reti dei due numeri 9, Tammy Abraham e Andrea Pinamonti. La squadra di Mourinho in molti tratti della gara in confusione, con gravi disattenzioni tattiche e tanta confusione tecnica. Al termine del match Mourinho è intervenuto ai microfoni di Dazn per commentare il risultato: “Un giocatore ha avuto un atteggiamento non professionale e l’ho detto nello spogliatoio. Su un altro c’è da chiedersi: perché oggi è entrato con questo atteggiamento e le altre volte no?”Bisogna riscattarsi, oggi con più attenzione si poteva vincere.
“Abbiamo fatto una buona partita, con le nostre limitazioni ma una buona partita. Con un atteggiamento positivo, serio, dopo che c’era stata un’atmosfera pesante, due giorni difficili con gente triste. Però una squadra che ha voluto vincere, con le sue limitazioni, ha giocato bene e controllato bene un avversario difficilissimo tra attacco allo spazio e contropiedi. E mi dispiace, perché lo sforzo della squadra è stato tradito da un atteggiamento di un giocatore non professionale. Ha tradito tutti gli altri. Non ho parlato così di Ibanez contro la Lazio, perché l’atteggiamento era top. L’errore fa parte del gioco, l’atteggiamento non professionale e non corretto con i compagni mi dispiace. È un punto fuori casa, un risultato che non si può dire negativo. Sono contento dell’atteggiamento generale della squadra”.Dei singoli?
“Uno”.

Ci può dire chi è?
“No. L’ho già detto nello spogliatoio e non lo faccio spesso, dopo le partite non parlo spesso con la squadra. Ho avuto sedici giocatori in campo, mi è piaciuto l’atteggiamento di quindici. Uno non mi è piaciuto e l’ho detto. A un altro ho fatto la domanda ‘perché questo atteggiamento solo e oggi e non sempre?’ Detto questo non sono contento del risultato, che non è drammatico. È positivo, ma non quello che volevamo. Andiamo avanti. Manca una partita contro una grande squadra col Torino, vediamo di finire con tre punti”.

Mancava la luce lì davanti…
“Il bambino ha cercato di farlo. Non posso pretendere da un bambino, che fino a pochi mesi fa si allenava sul campo di plastica e giocava in Primavera che è molto poco competitivo, che ogni partita giochi e illumini tutto. Ha fatto bene e sono contento di Volpato. Ha talento, deve migliorare ma non mi posso aspettare che si prenda la squadra sulle spalle. Come squadra abbiamo oltrepassato l’avversario. Nel primo tempo Shomurodov doveva spaccare la porta e fare gol, abbiamo questi limiti. Ma come squadra non mi sento nella posizione di esigere di più. Sono contento”.

Abraham?
“Se la panchina gli ha fatto bene? Non voglio valutare gli attaccanti per i gol, è chiaro che i gol ti facciano vincere però non posso criticare Shomurodov per aver sbagliato quel gol quando si è impegnato al massimo. Non posso rimproverare Belotti se gli manca sicurezza, a Tammy ho fatto la domanda che ti ho detto prima, gli ho chiesto perché oggi avesse questo atteggiamento e non altre volte. Ha giocato con sicurezza, ha fatto la differenza, ha fatto una buona partita”.

Dybala per domenica?
“Non lo so se ci sarà, difficile da dire. Non conosco i suoi contatti con l’Argentina e Scaloni, non so se deve giocare domenica per andare al Mondiale oppure non deve giocare per andare al Mondiale con più sicurezza, però i giocatori che vanno al Mondiale nell’ultima partita hanno la testa al Qatar. Se posso scegliere, mi piacerebbe avere Dybala contro il Torino”.

Il nome del giocatore che ha tradito Mourinho
Ma a chi si riferiva Mourinho? Il giocatore che lo ha deluso per atteggiamento è Rick Karsdorp, entrato nel secondo tempo al posto di Celik e che non è riuscito a entrare in partita, perdendo i duelli, sbagliando i cross e non riuscendo a difendere bene sulla sua fascia. A fine partita Mourinho è entrato nello spogliatoio e facendo uscire tutto lo staff tecnico, i magazzinieri e il personale. Ha parlato in toni molto duri al giocatore, specificandogli tutta la sua delusione per l’atteggiamento avuto in campo al suo ingresso. “Ho detto al giocatore di cercarsi una squadra a gennaio”.