Il turismo riparta dall’informazione di qualità: l’appello di Gist e Neos

ROMA. Un appello a sostenere il turismo italiano e la stampa di settore, gravemente colpiti dagli effetti dell’emergenza Covid 19: è quello lanciato da Gist – Gruppo Italiano Stampa Turistica, e Neos – Associazione di giornalisti di viaggio.

Le due associazioni hanno pubblicato un manifesto per chiedere il sostegno del settore dell’informazione giornalistica che si occupa di turismo e viaggi e che coinvolge “migliaia di professionisti che, dalle redazioni o in forma autonoma, assicurano attraverso la cronaca e il reportage un flusso ininterrotto di notizie selezionate e verificate”. Come si legge nel testo, “in tempi in cui i confini tra informazione, propaganda e fake news si fanno sempre più labili, i giornalisti di turismo rappresentano una voce competente e affidabile, in grado di affiancare i player nazionali nel rilancio del turismo”.

Secondo un sondaggio Gist, su un campione di 200 giornalisti, il 74% ha visto contrarre il lavoro fino al 50% a casa dell’emergenza Coronavirus. Il calo è dovuto per il 43% alla sospensione di pagine di turismo e per il 20% al rimando di servizi già realizzati su destinazioni ora chiuse.

Una situazione destinata ad aggravarsi a causa non solo della crisi generale dell’editoria ma adesso anche di quella del settore del turismo, per il quale il 2020 sarà un anno irrimediabilmente compromesso.

Ecco perché secondo Gist e Neos “non è possibile ripartire senza regole certe e il coinvolgimento di tutti gli attori della filiera turistica, informazione compresa”.

Da qui le richieste a Governo, Mibact ed ENIT:

– MIBACT e ENIT si impegnino urgentemente in una compagna internazionale di promozione e marketing, per il rilancio dell’immagine e del brand Italia;

– il Governo dia un sostegno economico immediato all’editoria turistica, sotto forma di finanziamenti a fondo perduto e/o defiscalizzazioni;

– i Presidenti delle Regioni si accordino con il MIBACT per la promozione coordinata del Sistema Turistico Italia.

È possibile aderire al Manifesto dei giornalisti italiani di turismo, che ha già raccolto quasi 600 sottoscrizioni, firmando il documento sulla piattaforma Change.org.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.